Migliore Videocamera nel 2020

0
222

In questi giorni sembra che tutti abbiano una fotocamera e questo è abbastanza preciso se si considera che i nostri telefoni cellulari hanno alcune delle migliori fotocamere disponibili.

Tuttavia, queste telecamere non funzionano sempre così bene, se stai girando un video per scopi professionali, motivo per cui abbiamo iniziato a chiederci quali fossero le migliori videocamere per creativi nel 2020.

Se non hai mai comprato una videocamera prima d’ora, sicuramente non sei nato negli anni ’80, quindi cominciamo con quello che dovresti cercare!

Scegliere una nuova videocamera non è facile come scegliere la prima che vedi online. Quando scegli una videocamera, devi assicurarti che sia adatta alle tue esigenze e allo scopo per cui la usi. Assicurarti di considerare prima questi fattori ti aiuterà a scegliere quello giusto.

La fotocamera verrà comunemente in due stili diversi. Lente intercambiabile o fissa. Una fotocamera intercambiabile ti dà la possibilità di cambiare gli obiettivi per una migliore qualità dell’immagine e proporzioni. Un obiettivo fisso è l’opposto, poiché la fotocamera viene fornita solo con l’obiettivo montato. Questa può essere un’ottima opzione per i principianti e molto meno costosa.

1. Videocamera Panasonic 4K HC-VX980EG-K

 

All’interno dell’HC-VX980EB-K si trova lo stesso CMOS da 1 / 2,3 pollici con 18,91 megapixel dell’HC-VXF990EB-K. Di questi, 8,29 megapixel vengono utilizzati quando si riprendono filmati 4K, 6,1 megapixel per Full HD e stranamente solo 8,29 megapixel quando si catturano immagini fisse.

Tuttavia, Panasonic lancia una notevole quantità di interpolazione per fornire immagini fisse fino a 25,9 megapixel (6.784 x 3.816), anche se questo scende a 20,4 megapixel (6.016 x 3.384) quando si riprendono video 4K contemporaneamente.

La modalità video principale è Ultra HD, che è 3.840 x 2.160 a 24 o 25 fps, con una velocità dati di 72 Mb / sec e utilizzando il formato MP4. Inoltre è inclusa la solita gamma di opzioni AVCHD 2.0, fino a 1080 / 50p a 28Mbit / sec. C’è anche l’opzione iFrame Full HD da un quarto di trimestre, registrata a 28Mbit / sec. Le opzioni di formattazione sono piuttosto sconcertanti, ma probabilmente utilizzerai 4K e una o due modalità Full HD per la maggior parte del tempo.

Quindi l’HC-VX980EB-K manca degli effetti cinematografici di punta, tra cui l’opzione Lenta e Rapida, Zoom Dolly e Zoom lento automatico. Tuttavia, rimane un’opzione al rallentatore, in cui è possibile toccare tre volte un pulsante durante uno scatto per registrare quella sezione con una frequenza fotogrammi maggiore, che viene quindi riprodotta a velocità normale per un rallentatore uniforme.

Anche la funzione multi-camera wireless è stata trasferita su questo modello. Ciò consente di configurare fino a tre smartphone che eseguono l’app Panasonic come angoli di ripresa aggiuntivi e quindi è possibile sceglierne due da sovrapporre nell’immagine principale.

Questo potrebbe essere ottimo per gli sport di tiro a segno, un concerto o altri eventi sul palco, con la fotocamera Panasonic bloccata su un treppiede e gli utenti di smartphone che eseguono primi piani.

Rimangono i mini-jack per un microfono esterno e le cuffie. È disponibile anche una scarpa per accessori, ma questo modello torna alla staffa scorrevole della generazione precedente.

Ma ci sono ancora molte impostazioni manuali disponibili se vuoi essere più creativo. Ed è per questo che questa è una videocamera eccezionale, nonostante non sia il grande crossover videocamera-videocamera con sensore che stiamo ancora aspettando.

2. Panasonic Lumix GH5

 

Osservando le specifiche da sole, sarebbe facile confonderlo con una videocamera, ma GH5 ha l’aspetto di una macchina fotografica mirrorless. La sottile sezione centrale del corpo e il peso di 1,6 libbre sono tutti mirrorless, ma la comoda impugnatura, il mirino elettronico e i quadranti di controllo sono ispirati allo stile delle DSLR.

Nella parte superiore della fotocamera, un otturatore separato e un pulsante di registrazione video offrono un facile accesso a entrambe le modalità di scatto. Una rotellina di controllo vicino all’otturatore e una seconda rotella sul retro, vicino al poggia pollice, consentono di regolare facilmente l’apertura e la velocità dell’otturatore senza distogliere lo sguardo dal mirino.

A destra del mirino, GH5 ha una serie di controlli di messa a fuoco. Un interruttore scambia tra messa a fuoco manuale, messa a fuoco automatica singola e continua. Questo interruttore circonda un pulsante di blocco della messa a fuoco automatica e dell’esposizione automatica. Accanto a questi controlli di messa a fuoco, c’è un joystick, una funzionalità che non si trova nel predecessore.

Come il suo predecessore, GH5 può scattare foto di 12 fotogrammi al secondo (fps) con la messa a fuoco fissa sul primo fotogramma o 9 fps con autofocus continuo. È una velocità solida, ma se ciò non bastasse, la modalità foto 6K scatta brevi video 6K a 30 fps ed estrae ogni singolo fotogramma, lasciandoti con un burst di 30 fps, anche se con una risoluzione leggermente inferiore rispetto alla modalità burst nativa.

Con GH5, Panasonic continua a stupire con una fotocamera fissa che funge da doppia telecamera cinematografica. Non sarà un acquisto obbligatorio per tutti, ma è un importante risultato tecnologico e uno strumento molto capace per i creatori di contenuti di fascia alta.

3. Sony RX100 VII DSCRX100M7

 

La RX100 VII promette la “prestazione AF più veloce al mondo” tra le fotocamere fisse con obiettivo da 1 pollice. Esistono 357 punti AF a rilevamento di fase, con 425 punti AF a rilevamento di contrasto. Ciò offre un’ampia area di copertura del 68%. Si dice che la messa a fuoco risponda in 0,02 secondi, e questo è stato aggiornato dall’RX100 VI.

Lo scatto continuo a 90 fps può scattare immagini a grandezza naturale da 20 mp, per un massimo di 7 fotogrammi (JPEG / RAW), ed è possibile selezionare tra 90 fps, 60 fps o 30 fps. Sono disponibili anche scatti continui a 20 fps, con scatti gratuiti senza oscuramento con tracking AF / AE, che offrono più scatti.

La fotocamera offre il tracciamento in tempo reale e il tracciamento Eye AF in tempo reale per i video è una novità. La fotocamera ha anche il rilevamento degli occhi sia per l’uomo che per gli animali.

La registrazione di video UHD 4K è inclusa, la registrazione da un’immagine da 14mp e il downsampling a 4K (8mp), utilizzando una lettura di pixel completa senza binning di pixel, offrendo un sovracampionamento di 1,7x per una registrazione video più dettagliata. I video 4K possono essere registrati a 30 fps, 24 fps o 25 fps (PAL).

La fotocamera è piccola, ma ha dato un discreto numero di controlli e pulsanti, con accesso rapido alla compensazione dell’esposizione, modalità di guida, flash e DISP sul controller a 4 vie. Puoi anche accedere rapidamente alle impostazioni con il pulsante Fn / Funzione. Queste opzioni possono essere personalizzate, così puoi assicurarti di avere un rapido accesso alle tue impostazioni preferite.

4. GoPro Hero7 Black

 

Sorprendentemente, tutte queste nuove funzionalità sono state racchiuse in un case della stessa identica dimensione e forma del suo predecessore, e quell’involucro sembra un po ‘più premium del lussuoso Osmo Action.

Hero7 Black è impermeabile fino a 10 metri da solo, oppure puoi estenderlo a ben 30 metri con un alloggiamento impermeabile GoPro opzionale. Inoltre, c’è una vasta selezione di supporti compatibili (supporti ufficiali GoPro e di terze parti) ed extra che funzionano con Hero7 sin dall’inizio. Quindi stai acquistando un universo di accessori molto ampio e pronto all’azione qui.

Una delle nostre funzionalità preferite è la possibilità di registrare video TimeWarp. Questi utilizzano l’impressionante stabilizzazione dell’immagine di GoPro per creare timelapse mobili e in movimento. Sono ideali per ambientare la scena, trasmettere il senso del tempo che passa o per aggiungere creatività a un video modificato.

La vera star dello show di Hero7 Black è la stabilizzazione HyperSmooth, la stabilizzazione elettronica integrata che ti consente di abbandonare il gimbal e catturare sempre filmati fluidi e dall’aspetto professionale.

HyperSmooth funziona incredibilmente bene e non presenta alcuno dei tradizionali deformazioni o artefatti trovati su GoPros più vecchi. È quasi il miglior auto-smoothing sul mercato finora, ma non è così lontano di fronte al DJI Osmo Action che è un chiaro vincitore – è solo un po ‘più naturale.

Per accompagnare il tuo video migliorato, qui sono state potenziate anche le capacità di registrazione audio. I microfoni integrati sono in grado di catturare una gamma più dinamica (minimi più profondi, massimi più alti) e c’è un’elaborazione integrata che prende di mira ed elimina i suoni di vibrazione.

La GoPro Hero7 Black è stata la più potente action camera creata dalla società, fino a quando Hero8 Black non è stato rilasciato. Hero7 Black è comunque un’eccellente action camera. Siamo rimasti colpiti dalla sua stabilizzazione digitale HyperSmooth e da quanto sia facile da usare. Il supporto delle app è di gran lunga migliore rispetto al suo attuale rivale principale, DJI Osmo Action, e offre una serie di funzioni eleganti come TimeWarp, streaming live e controllo vocale.

5. Nikon Coolpix P1000

 

Raggiungere un elevato livello di zoom ottico su reflex digitali e fotocamere full frame richiede in genere l’uso di un obiettivo grande e pesante, come quelli che probabilmente hai visto essere utilizzato in eventi sportivi o per la fotografia naturalistica. Tuttavia, le gamme di zoom di tali obiettivi sono ancora inferiori rispetto a ciò che è possibile ottenere con le fotocamere inquadra e scatta, a causa dei loro sensori più piccoli e dei fattori di raccolto più grandi.

La fotocamera viene spedita in una scatola abbastanza grande, e per una buona ragione. Coolpix P1000 è una fotocamera robusta delle dimensioni di una DSLR professionale media. In effetti, occupa un volume simile a una Canon 5D Mark III con un obiettivo macro da 100 mm. È anche abbastanza pesante con 1,4 kg e il design dell’obiettivo e il posizionamento di alcuni pulsanti richiedono di usarlo sempre con due mani.

La Nikon Coolpix P1000 ha un flash pop-up e una slitta per l’attacco di un flash esterno. Il mirino OLED da 0,39 pollici ha una risoluzione di 2,35 milioni di punti e regolazione diottrica. Ci piace il fatto che il mirino sporga un po ‘verso l’esterno, quindi quando lo guardi, il tuo naso non tocca facilmente il display, impedendo l’accumulo di sudore e sporcizia. I controlli in alto includono una ghiera modalità, ghiera di comando, pulsante di accensione e pulsante funzione personalizzabile (Fn).

Il motivo principale per cui chiunque vorrebbe acquistare questa fotocamera è per la sua capacità di zoom, che è semplicemente incredibile. Può far sembrare gli oggetti che sono letteralmente a chilometri di distanza come se fossero proprio di fronte a te. L’autofocus di rilevamento del contrasto non è male a una distanza fino a 1000 mm, tuttavia inizia a rallentare man mano che ti avvicini al livello di zoom massimo.

Con 3000 mm, il Coolpix P1000 a volte ha davvero faticato a mettere a fuoco, tanto che abbiamo dovuto ridurre un po ‘lo zoom per bloccare la messa a fuoco. Se stai riprendendo il palmare, assicurati di avere una buona presa sulla fotocamera, poiché il peso si sposta in avanti mentre l’obiettivo si estende verso l’esterno.

C’è solo un pulsante programmabile, che può essere impostato per cambiare la modalità di guida, misurazione, ISO, ecc. Avere qualche pulsante o quadrante più personalizzabili sarebbe stato bello. La fotocamera ha una velocità di scatto massima di circa 8 fps, ma è anche possibile riprendere un piccolo video clip a 60 fps o 120 fps ed estrarre immagini fisse da esso.

6. Handycam HD di Sony

 

Sony ha aggiunto Phase Detection AF alla sua linea di videocamere. FDR-AX700 aggiunge un nuovo sistema di messa a fuoco automatica a rilevamento di fase a 273 punti per una messa a fuoco molto più rapida e accurata, ereditata dalla linea di fotocamere mirrorless Sony. Aggiunge i profili immagine S-Log2, S-Log3 e S-Gamut e 4K HDR.

Il nuovo comando di attivazione / disattivazione consente di navigare nei menu nell’EVF con l’LCD chiuso. La Sony AX700 ora ha una funzione timelapse. Nuovo formato HLG, per HDR (High Dynamic Range) che può riprodurre su televisori dotati di HDR. Aggiunta una modalità 120p per video Full HD con registrazione (velocità di bit 100 Mbps). La risoluzione del touchscreen LCD da 3,5 pollici è aumentata a 1,55 milioni di punti. Inoltre è stato aggiunto un secondo slot per schede SD, ora hai due slot per schede SD.

Una fotocamera per smartphone può fare il lavoro più elementare richiesto alle videocamere. Ha anche l’ulteriore vantaggio di essere comodamente nascosto nelle tasche. Ma per tutta la loro comodità, non possono ancora eguagliare la qualità dell’immagine e le funzionalità avanzate offerte da videocamere di alta qualità.

Sony è stata pioniera nel campo delle videocamere e la loro videocamera HDR 4K FDR-AX700 è una testimonianza della loro dedizione nel dare agli utenti la libertà artistica di creare video sbalorditivi, sia per uso personale che per diffusione pubblica.

7. Canon EOS 5D Mark IV

 

La Canon 5D Mark IV offre moltissime nuove funzionalità e miglioramenti delle prestazioni, ma mantiene le cose modeste e familiari con il suo design simile ma raffinato. La quarta iterazione della popolare serie 5D di Canon ottiene un nuovo sensore ad alta risoluzione, un processore più veloce, un’interfaccia touchscreen completa, connettività wireless integrata e registrazione video Cinema 4K. Rivolto a professionisti e appassionati avanzati, la 5D Mark IV offre funzionalità e prestazioni per una varietà di argomenti, sia con la fotografia fissa che con la videografia, rendendola una DSLR ben progettata e altamente versatile.

È costruito attorno a un nuovo sensore CMOS da 30,4 MP e utilizza il processore Digic 6+. Il sistema AF è dell’ammiraglia 1D X Mark II e contiene 61 punti AF (41 dei quali a croce) con una copertura verticale estesa fino al 24% rispetto al sistema nel Mark III. Il punto centrale è sensibile a -3 EV in modalità One Shot (AF-S).

Canon offre ora una gamma di modelli full frame. Nella fascia alta hai la Canon 1D X Mark II sportiva e orientata all’azione, con il suo sensore da 20.2 MP e lo scatto continuo da 14 fps (con AF). La 5DS (e la variante ‘R’), con i loro sensori da 50.6MP, sono le opzioni ad alta risoluzione dell’azienda. Il 5D Mark IV divide la differenza in termini di risoluzione ed è posizionato come il tuttofare di Canon. Per quelli con un budget limitato, i soldati EOS 6D in carica, quattro anni dopo la sua introduzione.

8. Blackmagic Design Pocket Cinema Camera 4K

 

Blackmagic ha fatto le onde lo scorso anno con la versione 4K della sua Pocket Cinema Camera. “Pocket” è un termine improprio, in quanto il corpo del 6K è largo 7 pollici, alto 3,8 pollici e profondo 4 pollici, quindi richiederebbe una tasca piuttosto massiccia. È molto più grasso e più largo delle moderne DSLR e delle fotocamere mirrorless full frame di Sony, Nikon o Canon, ma mantiene lo stesso tipo di forma.

È curioso perché mentre è in grado di scattare foto, non è proprio per questo che questa fotocamera è fatta. Questa fotocamera è fatta per video, pura e semplice. Rispetto alle summenzionate fotocamere RED e Arri, è davvero molto più piccola.

Il lato destro della fotocamera ha una porta che copre gli slot per schede SD e CFast 2.0. Il lato sinistro della telecamera è dove si trovano tutte le porte. Hai un jack per microfono stereo standard da 3,5 mm, un jack per cuffie da 3,5 mm, un’uscita HDMI full-size (molto utile!), Un alimentatore di blocco da 12 volt, una porta USB-C e un mini XLR con supporto dell’alimentazione phantom per audio di alta qualità.

Non mi piacciono molto le coperture delle porte su quel lato. Sono estremamente complicati, imbarazzanti e difficili da rimettere. La parte inferiore della fotocamera ha lo sportello della batteria, l’attacco del treppiede e un’ampia apertura in modo che la ventola integrata possa impedire il surriscaldamento della cosa, il che è un problema che le fotocamere mirrorless spesso incontrano quando si riprendono lunghi video clip.

Ci sono molti vantaggi nello sparare in 6K. Molto probabilmente, eseguirai il mixaggio a 4K per il tuo prodotto finito, giusto? Bene, quando riduci un frame da 6K a 4K, quel campionamento eccessivo gli dà un piccolo miglioramento della qualità. Puoi anche ritagliare di circa un terzo e non avrai alcuna perdita di qualità. O dire che hai dei filmati traballanti. Probabilmente vorrai applicare un effetto di stabilizzazione (come Warp Stabilizer in Adobe Premiere), ma che ritaglia leggermente i bordi del video.

Se stavi girando in 4K e finissi in 4K, quel ritaglio significherebbe che devi allungare il video per riportarlo a una cornice 4K, il che provoca un allungamento dei pixel e un notevole calo di nitidezza e qualità. Quando stai riprendendo 6K, puoi stabilizzare un video molto traballante (che richiederebbe un taglio del bordo ancora maggiore) senza che i pixel vengano allungati. Puoi vedere alcuni esempi di ciò nel mio video qui sopra. È piuttosto sorprendente. C’è anche una modalità time-lapse 6K integrata, se è la tua cosa.

9. Sony A6600

 

La Sony a6600 sembra un’eccellente fotocamera per video e vlogging, e la sua straordinaria AF, la stabilizzazione delle immagini nel corpo e la batteria di grandi dimensioni la rendono adatta per la fotografia di foto.

Tuttavia, la sua qualità delle immagini fisse è buona piuttosto che leader della categoria, il che è un difetto significativo dato che la a6600 è confrontata con alcune fotocamere rivali fantastiche e più costose, e mentre le sue prestazioni video sono sostanzialmente buone, è rovinata da una serranda pronunciata effetto e specifiche video piuttosto ordinarie secondo gli standard odierni.

La Sony A6600 è l’ultima e la più grande offerta di Sony nelle sue famose fotocamere mirrorless APS-C serie A6000. Il suo sensore da 24,2 MP e il processore di immagini BIONZ X non sono niente di particolarmente speciale, ma Sony è andata in città con le funzionalità avanzate di autofocus e tracking del soggetto della A6600.

Il cuore dell’A6600 è il venerabile sensore APS-C da 24,2 MP di Sony. L’abbiamo visto in precedenza nelle precedenti fotocamere serie a6000 e, in effetti, anche l’A6100 entry-level condivide lo stesso sensore e il processore Bionz X di Sony. Tuttavia, questa non è una cosa negativa, poiché entrambi si uniscono per produrre un’eccellente qualità dell’immagine.

La sensibilità del sensore supera ISO 32000 per immagini fisse (espandibile a ISO 102.400), ma è la stabilizzazione dell’immagine a 5 assi del sensore nella fotocamera che è particolarmente impressionante, specialmente in una fotocamera così piccola. Il sistema offre fino a 5 stop di stabilizzazione e può funzionare con obiettivi che non contengono la propria stabilizzazione ottica.

Tuttavia, anche con questa lunga lista di successi, l’A6600 ha ancora alcuni notevoli difetti. Può essere convenientemente compatto, ma a questo livello è probabile che gli appassionati apprezzino una fotocamera leggermente più grande in cambio di controlli fisici posizionati più comodamente e una quantità maggiore di essi. Il funzionamento del touchscreen dell’A6600 compensa fino a un certo punto, ma non sostituisce l’ergonomia dei pulsanti ad accesso diretto.

10. Sigma Fp

 

Il design ottico di questa lente è semplice, con otto elementi in sette gruppi, tra cui due elementi asferici. Il rivestimento Super Multi-Layer di Sigma è stato applicato per ridurre i bagliori e le immagini fantasma e l’obiettivo è compatibile con le correzioni integrate nella fotocamera per l’illuminazione periferica, le aberrazioni cromatiche e la distorsione.

La lunghezza focale di 45 mm copre un angolo di campo di 51,3 gradi, che rientra nella categoria “standard” ma è leggermente più ampia rispetto al tradizionale obiettivo standard da 50 mm. Su una fotocamera full frame, questa lunghezza focale è adatta alla fotografia di strada, ma un po ‘limitata per le riprese di uso generale e la fotografia di viaggio rispetto al kit zoom in bundle con molte fotocamere.

L’obiettivo di recensione ha funzionato bene nei nostri test Imatest, offrendo una risoluzione al centro del fotogramma che era al di sopra delle aspettative sia per i file JPEG direttamente dalla fotocamera che per i file DNG.RAW, che sono stati convertiti in formato TIFF a 16 bit con Adobe Camera Raw. La risoluzione dei bordi era leggermente al di sotto del livello previsto, come mostrato nel grafico dei risultati dei test JPEG di seguito.

Le risoluzioni centrali più alte si sono verificate tra f / 2.8 ef / 5.0, dopo di che si è verificato un costante declino di f / 22, l’apertura minima per questo obiettivo. Poiché le differenze previste tra la risoluzione del centro e del bordo si sono ridotte con l’apertura dell’apertura ridotta. La diffrazione iniziò ad avere effetto da circa f / 6,3 in poi, ma fu evidente da circa f / 9.