Miglior Smartphone nel 2020

0
229

 

Tutti i gestori offrono uno, due o tre tipi di 5G, ma le reti sono ancora limitate in termini di velocità e disponibilità in tutto il paese. La scelta migliore nella nostra lista copre tutte e tre le opzioni di rete, quindi è la migliore per il 5G, ma è anche la migliore per altri motivi.

Siamo certi di vedere nuovi telefoni di Google, Apple e OnePlus nel 2020. Apple potrebbe non supportare il 5G nel 2020, dando agli smartphone Android il vantaggio dei vantaggi del 5G. Le splendide fotocamere sono anche una caratteristica principale negli smartphone di punta di oggi e uno dei 10 migliori può aiutarti a catturare incredibili.

Oggigiorno è facile trovare un ottimo telefono, i telefoni sono così buoni che non è necessario sostituirli su base annuale, ma i programmi di aggiornamento del gestore e del produttore lo rendono abbastanza indolore. Con gli smartphone che oggi servono come strumenti critici per la conduzione degli affari, un leasing mensile o un’opzione di pagamento è una spesa giustificabile.

1. Samsung Galaxy S20

 

Il Samsung Galaxy S20 non è il più all’avanguardia della gamma S20 di Samsung – quell’onore va al Galaxy S20 Ultra – ma è ancora un telefono potente con un design ergonomico e accattivante e l’introduzione di nuove funzionalità come il 5G, il 120Hz display e telecamere posteriori aggiornate lo rendono un telefono eccezionale a sé stante.

Sotto il cofano c’è un nuovo potente chipset, Qualcomm Snapdragon 865 o Exynos 990 (dove vivrai determinerà quale otterrai) così come 8 GB o 12 GB di RAM, a seconda che tu acquisti il ​​telefono 4G o 5G. E alcune persone saranno in grado di acquistare solo il telefono 5G: puoi leggere di seguito per scoprire quali versioni sono disponibili nella tua regione.

La fotocamera è un altro punto forte di questo telefono, con Samsung che migliora molte specifiche sull’array posteriore. Tutte e tre le fotocamere principali sono state migliorate (comprese le dimensioni dei pixel aumentate per migliorare la fotografia notturna consentendo più luce in ingresso) e ci sono anche alcune modifiche al software per migliorare l’esperienza complessiva.

Il Samsung Galaxy S20 ha un display da 6,2 pollici, che offre esattamente 0,1 pollici di spazio in più sullo schermo rispetto al S10 da 6,1 pollici del 2019. Non cambia drasticamente le dimensioni complessive del telefono e la sua risoluzione massima rimane la stessa di quella dei recenti modelli Samsung Galaxy S su WQHD + (3040 x 1440).

La fotocamera principale, che rimane da 12 MP, ha un’apertura f / 1.8. Ciò è teoricamente inferiore alla doppia apertura f / 1.5 + f / 2.4 dell’S10, che cambia per adattarsi alle condizioni di illuminazione con l’impostazione “più ampia” f / 1.5 che attira più luce per scatti migliorati in condizioni di scarsa illuminazione.

Se c’è una cosa che sappiamo del 5G è che la tecnologia Internet superveloce è un granello di batteria, e con questo in mente Samsung ha dotato il Galaxy S20 di un alimentatore da 4.000 mAh, un notevole aumento rispetto alla capacità di 3.400 mAh sull’S10 .

2. OnePlus 8 Pro

 

Ha uno schermo AMOLED da 6,8 pollici con un formato 19,8: 9. Anche con le sottili cornici attorno, questo rende un telefono notevolmente grande. È anche un po ‘più spesso e pesa 199 grammi (7,02 once). Puoi sicuramente sentire quel peso ogni volta che usi il dispositivo o addirittura lo porti in tasca. In confronto, OnePlus 8 è leggero, equilibrato e piacevole da impugnare con una mano.

Il display dell’8 Pro è un bellissimo pannello AMOLED – come ci aspettiamo da OnePlus. Offre una moltitudine di cursori e opzioni di colore, in modo da poterlo impostare secondo i tuoi gusti personali, che vanno dall’accuratezza alla vibrazione selvaggia. La versione Pro ha anche un’opzione chiamata Comfort Tone – molto simile al “True Tone” di un iPhone, analizzerà la tua illuminazione ambientale e imposterà la temperatura dello schermo su un livello più adatto e piacevole.

OnePlus 8 Pro ha una configurazione a quattro telecamere, ma lasciamo il quarto fuori strada molto velocemente. È una “fotocamera a filtro colorato”, che OnePlus afferma con orgoglio che si ispira alle tonalità di colore utilizzate dai fotografi professionisti. Per dirla in termini meno vaghi: elaborerà i colori in modo diverso.

I rossi diventano grigi, i verdi diventano gialli, eccetera. Può davvero cambiare una scena e lanciarvi uno sguardo sognante. Ma il suo sensore da 5 MP introduce anche molto rumore e confusione in quel sogno. Trucco o no – decidi tu.

La cella che mantiene accese le luci ha una capacità di 4.510 mAh. È un po ‘meno di quanto suggerisca il peso del telefono, ma la durata della batteria è più che soddisfacente. Dandoci 9-10 ore stabili attraverso tutti i nostri test di durata della batteria e replicando l’esperienza nella vita reale – non abbiamo nulla di cui lamentarci.

3. Samsung Galaxy Note 10 plus

 

Il Galaxy Note 10 Plus offre prodotti di alta qualità, da uno schermo da 6,8 pollici assassino e una durata della batteria che dura tutto il giorno a strumenti per fotocamere eccellenti. Il Note 10 Plus ha le stesse fotocamere principali del Galaxy S10 Plus (aggiunge quell’obiettivo con sensore di profondità ), ma Samsung ha fatto molti sforzi per migliorare il software del telefono e ciò contribuisce notevolmente a rendere il telefono più facile da usare per scattare foto.

Il Samsung Galaxy Note 10 Plus ha un display da 6,8 pollici così coinvolgente che a volte ti dimenticherai di non guardare la TV. E il retro del Galaxy Note 10 Plus è altrettanto accattivante quanto il frontale, soprattutto se opti per il colore Aura Glow.

Se desideri che il tuo telefono sia appariscente, sceglierei la versione Aura Glow del Galaxy Note 10 Plus. Il design argento cangiante cambia colore in base al modo in cui la luce colpisce il retro del telefono. L’unico problema è che il modello Aura Glow rileva rapidamente le impronte digitali; Mi sono ritrovato a pulire il retro del telefono su magliette e pantaloni per tenere a bada le sbavature.

Lo schermo ha la stessa risoluzione Quad HD + di prima, ma è certificato per HDR10 +, rispetto a HDR10 per la Nota 9. Durante la visione del trailer di Star Wars: The Rise of Skywalker, ho potuto scorgere sottili ciocche di capelli sulla testa di Rey, e La luccicante spada laser rossa di Kylo Ren crepitò e saltò fuori dallo schermo mentre la spingeva contro i suoi nemici.

In questo test in condizioni di scarsa illuminazione su una strada cittadina, il Galaxy Note 10 Plus ha scattato una foto straordinariamente luminosa con la modalità Notte attivata; puoi distinguere chiaramente gli edifici e le macchine.

4. Apple iPhone 11 Pro Max

 

L’iPhone 11 Pro Max è leggermente più alto e più largo del suo predecessore, ma quello che noterai di più è come è più pesante di 18 grammi. Mi sono subito abituato, ma il peso aggiunto rende questo telefono già costoso ancora più lussuoso. Questo è ancora un telefono grande, date le sue dimensioni dello schermo da 6,5 ​​pollici, e richiede due mani per raggiungere la parte superiore dello schermo.

Le dimensioni di 6,5 pollici potrebbero essere un po ‘ingombranti in mano, ma a chi importa quando hai uno schermo così vasto per guardare video e film? Adoro il grande schermo OLED e le proprietà extra che offre, specialmente quando si gioca.

Apple ha affermato di utilizzare uno schermo Super Retina XDR, che offre una luminosità straordinaria, colori incredibilmente precisi e una nitida risoluzione di 2.688 x 1.242. Ho avuto zero problemi a guardare spettacoli con molte scene scure, come The Spy su Netflix, alla luce del sole – aiuta a far arrivare la luminosità fino a 1.200 nit nelle scene HDR.

Smart HDR è, beh, più intelligente. C’è una modalità notturna per foto di scarsa luminosità superiore e una nuova funzione chiamata rendering semantico che scatta diverse foto sottoesposte prima di toccare il pulsante di scatto, la foto che desideri quando tocchi il pulsante e una foto sovraesposta in seguito per bilanciare l’illuminazione e fonderli insieme. La fotocamera può anche comprendere parti specifiche della foto, come una faccia o un fiore, e applicare miglioramenti Smart HDR separati a quelle aree piuttosto che una modifica generale all’intera foto.

La parte migliore di possedere un iPhone è come ottenere aggiornamenti istantaneamente quando Apple li emette e come questi aggiornamenti possono continuare a venire dai quattro ai cinque anni dopo l’uscita di un telefono. Gli unici altri telefoni che si avvicinano a quel livello di supporto per l’aggiornamento del software sono i telefoni Pixel di Google, ma anche quelli non verranno aggiornati fino a quando un iPhone.

5. Google Pixel 4 XL

 

Pixel 4 XL ha un grande schermo che si aggiorna 90 volte al secondo, quindi tutto sembra davvero fluido. Scatta anche foto eccezionali e il suo sblocco facciale è il più veloce che abbiamo mai visto.

Ancora una volta, Pixel 4 XL ha impressionato tutti noi con la sua fotocamera. Nel complesso, le immagini sono nitide, ricche di colori e hanno un grande contrasto. Lo zoom digitale della fotocamera è eccellente e sono stato in grado di scattare scatti costanti di oggetti che erano molto lontani.

Con il secondo teleobiettivo, la fotocamera scatta foto di ritratto migliori e fa un lavoro migliore per appianare aree difficili come capelli e pellicce di prima. La gestione del bilanciamento del bianco della fotocamera è anche sul naso. Le foto che ho scattato sotto un giallo, sarebbero emerse luci calde come se fossero state scattate alla luce bianca. Inoltre, i due cursori per regolare le ombre e le luci offrono un utile livello di controllo aggiuntivo. In breve, Pixel 4 XL è uno dei miei telefoni preferiti quando si tratta di utilizzare la fotocamera.

6. Samsung Galaxy Note 10

 

 

il Galaxy Note 10 porta il meglio della linea Note di Samsung in un corpo compatto che vende al giusto prezzo. Con 6,3 pollici sulla diagonale, il Note 10 è lungi dall’essere minuscolo, ma fornisce comunque sensibilmente meno spazio sullo schermo rispetto al 6.8- pollici Nota 10 Plus. La risoluzione Full HD + sul Note 10 sarà abbastanza nitida per la maggior parte, ma la risoluzione Quad HD + sul Note 10 Plus offre una densità di pixel superiore del 25%. Il Note 10 Plus attirerà naturalmente chi desidera un display più grande e più nitido, ma più pixel significano sempre meglio? Direi di no, almeno non per me.

Non posso dire di aver trovato l’esperienza sullo schermo sul Note 10 qualcosa di meno che fantastico. Il Note 10 ha le stesse dimensioni della maggior parte degli altri telefoni di dimensioni normali in questo momento, ma ha uno dei migliori schermi che vedrai su uno di essi. No, il display Note 10 non è tecnicamente buono come Note 10 Plus, ma offre tutto ciò di cui la maggior parte delle persone ha bisogno in dimensioni molto più compatte.

La differenza principale che abbiamo riscontrato nei nostri test era che il livello di luminosità automatica del Note 10 era inferiore al Note 10 Plus, ma per il resto è praticamente lo stesso schermo – solo più piccolo e con meno pixel. Va notato che la Nota 10 Plus utilizza per impostazione predefinita la risoluzione Full HD + per risparmiare la batteria, quindi a meno che non la passi a Quad HD +, otterrai la stessa esperienza della versione più piccola.

Il Galaxy Note 10 ha quasi la stessa identica configurazione della fotocamera del più grande Note 10 Plus. L’unica differenza è che il Note 10 salta la telecamera Depth Vision. Questo non avrà importanza per la maggior parte delle persone, in quanto contribuisce solo a un bokeh dall’aspetto più realistico in modalità ritratto

7. Sony Xperia 1

 

L’Xperia 1 è il primo smartphone di punta con uno schermo in formato 21: 9 e questo ha un impatto diretto sul suo design.

È un telefono alto e ha un bell’aspetto. Disponibile in nero, grigio, viola e bianco, la versione grigia è la più pregiata ed è esclusiva di Vodafone nel Regno Unito.

La parte anteriore e posteriore del telefono sono protette dal resistente Gorilla Glass 6. Una cornice in alluminio lucido avvolge i lati e c’è anche una resistenza all’acqua IP68, quindi puoi schiacciarla fino a 1,5 m per 30 minuti.

I lati sono arrotondati e tutti i pulsanti sono sulla destra. Lo scanner di impronte digitali è inserito tra il volume e i tasti di accensione e c’è anche un tasto della fotocamera, che può essere premuto a metà per mettere a fuoco – molto retrò.

Alla base è una porta USB-C e l’altoparlante di accensione inferiore, che è completato da un altoparlante anteriore sopra il display. A proposito di 6.5 pollici, lo schermo è grande, così come lo è anche il telefono, quindi se riesci a prenderlo tra le mani prima di immergerti, ti consigliamo di farlo.

Invece, il vassoio SIM di Sony può essere estratto con un’unghia e accetta una carta SIM e una scheda microSD. È chiaro che Sony ha costruito il corpo di questo telefono attorno al display e la mancanza di una curva significa che non sembra all’avanguardia come alcuni telefoni là fuori, ma a prescindere, l’Xperia 1 è un bellissimo smartphone.

Le opzioni di archiviazione sono anche abbondanti, con la versione britannica del telefono che imballa uno spazio di archiviazione di 128 GB completo di uno slot per schede microSD, che può aggiungere 1 TB al mix.

8. Moto G7 Power

 

Mentre la sua fotocamera e il suo design non lasceranno a bocca aperta gli utenti di telefoni di fascia alta, le impressionanti dimensioni e le specifiche della batteria del Moto G7 Power lo rendono un’opzione interessante per gli utenti con un budget limitato. Non tutte le sue funzionalità sono immediatamente intuitive, il che trattiene il telefono dalla grandezza.

Il Moto G7 Power è – l’indizio nel nome – tutto sulla carica della batteria. È in grado di durare per giorni e giorni senza caricarsi e, a tal proposito, ricorda un vecchio telefono di mattoni, con viaggi verso il caricabatterie un evento relativamente raro piuttosto che una necessità quotidiana. Una manciata di altri telefoni raggiunge questa capacità, ma G7 Power è di gran lunga il più conveniente.

È un telefono per persone che non avranno un accesso affidabile o regolare a un caricabatterie o che eseguiranno app impegnative per lunghi periodi di tempo e non hanno bisogno della fotocamera più fantastica o di specifiche estremamente impressionanti.

Il rapporto schermo-corpo di G7 Power è del 78,65%. C’è un’ampia tacca nella parte superiore dello schermo e, come con molti altri telefoni Android, le notifiche vengono visualizzate accanto alla tacca – e come con quegli altri dispositivi questo significa che puoi ricevere solo due notifiche prima che il resto sia nascosto, il che è un po ‘fastidioso se sei regolarmente bombardato da avvisi.

9. Realme X2 Pro

 

Realme X2 Pro è uno smartphone capace che i consumatori attenti al budget possono trovare interessante. Sulla carta, non sembra un telefono economico. È dotato di un veloce processore Qualcomm Snapdragon 855+ e di un display SuperAMOLED FHD + da 6,5 ​​pollici a 90Hz. Un quadruplo di moduli fotocamera scorre lungo la linea centrale della parte posteriore del telefono.

Abbiamo ricevuto la variante di colore Lunar White di Realme X2 Pro per la revisione che attira molto l’attenzione. Ha questo effetto gradiente perlato che cambia colore leggermente alla luce. Non è eccessivo come alcune delle altre finiture sfumate commercializzate da altri produttori e ha una certa decenza su di esso che non è in faccia. Questo è un modello che sarà altrettanto felice in una sala del consiglio come stare comodamente in tasca.

Lo schermo diventa abbastanza luminoso in quanto è valutato per una luminosità massima di 1000 nit e ha una buona leggibilità alla luce del sole. Ci sono due modalità di colore tra cui gli utenti possono scegliere: Vivid e Gentle. La modalità colore vivido si basa sulla gamma di colori DCI-P3, mentre la modalità delicata rappresenta i colori sRGB.

Un altro importante punto forte di Realme X2 Pro è il suo sistema quad-camera che offre molta versatilità a un fotografo occasionale.

La fotocamera principale utilizza un sensore Samsung ISOCELL Bright GW1 64MP con apertura f / 1.8 in una disposizione a quattro alloggiamenti. Ciò significa che le foto “normali” vengono prodotte a 16 MP, in pieno giorno e in condizioni di scarsa luminosità.

10. Xiaomi Mi 9T Pro

 

Xiaomi Mi 9T Pro ha una struttura solida, con uno chassis che non si piegherebbe né si piegherebbe sotto alcuna pressione che potrei esercitare con le mie mani. I bordi lunghi si incurvano nella parte posteriore, che era sul mio telefono di recensione principalmente nero, con turchese sui bordi lunghi e sui lati, rotto da una striscia di rosso per il pulsante di accensione.

Il finale sembra fantastico, ma è scivoloso e quindi non eccessivamente pratico. Come al solito con questo tipo di design, quando il telefono squillò la vibrazione lo fece scivolare giù dalla mia poltrona e dalle carte sulla mia scrivania. In effetti, non aveva bisogno di vibrare per scivolare: essere seduto in un angolo era sufficiente per farlo scivolare.

Il bordo inferiore ospita un singolo altoparlante, due slot SIM e un connettore USB-C. C’è un jack per cuffie da 3,5 mm sul bordo superiore, che è una funzione gradita. Il volume dell’altoparlante singolo aumenta abbastanza, ma mancano i toni bassi.

La tripla configurazione della fotocamera posteriore comprende un sensore primario da 48 MP con un obiettivo f / 1,5, un sensore da 8 MP con un teleobiettivo f / 2.4 (2x zoom ottico) e una fotocamera ultra grandangolare da 13 MP con un obiettivo f / 2.4. La modalità di scatto predefinita è 12 megapixel, anche se sull’interfaccia principale della fotocamera è presente un collegamento a uno scatto da 48 MP, quindi è facile cambiare.

L’intelligenza artificiale aiuta la fotocamera a configurare le impostazioni predefinite per una vasta gamma di soggetti e ho trovato i suoi suggerimenti molto soddisfacenti per la maggior parte.

Xiaomi Mi 9T Pro è un telefono di punta con un ottimo schermo, una buona durata della batteria, doppio supporto SIM, un lettore di impronte digitali sullo schermo e un jack per cuffie da 3,5 mm. La tripla configurazione della fotocamera posteriore è molto capace, e mentre il meccanismo della fotocamera selfie pop-out potrebbe non piacere a tutti, non c’è nulla di sbagliato nella sua qualità fotografica.